Mini brioches o panini al latte


Per tutti gli amanti delle brioches, del pan brioche e dei panini al latte, ho deciso di postare questa ricetta. Di solito è una delle più richieste perché in realtà è piuttosto semplice…e in realtà mia madre è un’inguaribile innamorata del pan brioche francese. A Ginevra infatti abbiamo apprezzato molto sia le colazioni che l’assortimento delle boulangeries. Questa ricetta di mini brioche o panini al latte vuole essere quindi un omaggio a lei e a questa sua piccola passione culinaria.
Attenzione, io non ho seguito un manuale, né la ricetta originale originale originale.
Ho personalizzato quella dei panini al latte, profumandoli alla mia maniera. Il sapore si avvicina, e di parecchio, a quello delle treccione francesi.
Ma andiamo con la preparazione, per la quale mi sono fatta aiutare dalla macchina per il pane, visto che sono sempre a corto di tempo e non riesco a stare dietro ad una lievitazione decente, se non al weekend.

Brioches o panini al latte

Occorrente: macchina per il pane, bilancia, pentolino per il latte, ciotole, pennello da cucina

Ingredienti

200gr farina manitoba
100gr farina 00
50gr zucchero semolato
60 gr burro a temperatura ambiente
120gr latte caldo
60gr albume
buccia grattugiata di un limone
1 bustina lievito birra secco
1 uovo sbattuto
carta da forno

Procedimento

Ho scaldato il latte in un pentolino assieme al burro tagliato a dadini.
Ho sbattuto leggermente l’albume in un misuratore (66 cc equivale a due uova piccole o a uno grande).
Ho messo nel cestello della macchina per fare il pane l’albume, la farina, la buccia di limone, il lievito con lo zucchero e da ultimo il latte caldo col burro fuso.
Ho impostato il programma impasti e una volta pronto e ben lievitato, ho preriscaldato il forno a 200°C.
Ho rivestito una placca da forno con la carta.

Ora viene la parte divertente.

Ho formato dalla pasta tante palline, facendone passare di volta in volta un pezzetto tra le dita della mano (indice e pollice) chiuse a formare una O aiutandomi col pollice dell’altra mano per spingere la pasta. Ho disposto le palline a sufficiente distanza per evitare che lievitando si unissero (3 cm circa di solito) e le ho lucidate con l’uovo sbattuto.
Ho infornato per 10-12 minuti e le ho lasciate raffreddare su un tagliere in legno.

Per conservarle al meglio ho scoperto che il frigo viene molto in aiuto, specie se si avvolgono in una pellicola per alimenti.

 

12 Comments

  1. troppo buoni questi panini!!! li ho fatti anch’io tempo fa! non so se la dose è la stessa| baci

  2. Li ho visti.
    Confermo sono molto simili. Io ho usato meno latte, che ho sostituito con la chiara d’uovo perché li rende spumosetti dentro e forse ho messo più burro rispetto alla dose di farina.
    Ah, cosa che per me conta tantissimo, ho usato il profumo della buccia di limone.
    ma l’estetica è identica.
    Non so, con le chioccioline forse sarebbero più particolari, ma a me vengon bene così.

    Ho visto che hai caricato il premio, alé!

    A.

  3. Buoni……….
    quanto son buoni………

  4. ciao :) grazie di essere passata da me con tante belle parole! sei stata molto carina e gentile e volevo complimentarmi anche per il tuo spazietto!
    deliziosi i panini al latte, anche io ho qualche ricetta simile ma è tanto che non li faccio!
    un abbraccio grande, Alessia (anche io mi chiamo come te ;-) )

  5. Ciao Alessia,
    benvenuta nella mia cucina e grazie della visita.
    Dai dai, rispolvera la ricetta, lei è lì che ti chiama nel suo cassetto della memoria :-)

    ricambio l’abbraccione.

    A.

  6. @ Daniela: già, sono buoni sì, pensa che il problema di “come li conservo” in casa mia non c’è mai, perché non si conservano proprio, svaniscono.

    Ma è il loro bello alla fine.

    baci

    A.

  7. come mi piacciono queste mini brioches!!!!!!
    ti copio subito la ricetta (slurp)…e me ne porto via uno,(eheheh)
    ciaoooooo
    baci

  8. Che buoni questi paninetti, non immagino come possano essere con la nutella dentro….

  9. Prendine anche due se vuoi ;-)

    Pensa che ho visto un albero di Natale fatto di questi panini a un buffet, quasi quasi lo costruisco pure io e lo fotografo.

    buona ricetta allora!

    A.

  10. @ Sara con la Nutella è a morte sua!
    se poi provi a cospargere la Nutella di mandorle a filetti tostate o granella di nocciola diventano una cosa fenomenale. (chiamasi istigazione a delinquere)

    A.

  11. Ciao Alessia,
    grazie per essere passata da me e per il tuo bel commento. :)
    Complimenti per la cucina… sei proprio brava! ^_^
    Un salutone

  12. Pingback: Il brunch di Ferragosto

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>