A proposito di caffé: Il libro di Taylor Clark su Starbucks


Vi segnalo un libro sul fenomeno Starbucks in cui si guarda al gigante americano dei caffé e dei frappuccinos come case history di marketing e di brand management. (Questa che scrive è la Sposadelvento business woman, ogni tanto nella cucina entra pure lei).

Al di là dei grandi numeri, 15.000 punti vendita, migliaia di commessi e bariste, più di cinquanta paesi coperti, Starbucks è un innegabile fenomeno di costume e di consumo mondiale.
Ha ridefinito il concetto di pausa caffé ma soprattutto di luogo deputato alla pausa caffé, accomunando per la prima volta classi medie a starlettes di Hollywood, attori, cantanti, sportivi con casalinghe, bancari, impiegati, insegnanti, studenti.

E loro, internamente all’azienda hanno lavorato e lavorano tuttora a costruire spazi di aggregazione e luoghi di socialità, a conoscere i gusti delle persone e fidelizzarle.

Interessanti nel libro di Clark, le interviste fatte ai concorrenti di Starbucks (ammesso che ce ne possano essere), e non poteva mancare a rappresentarci, in quanto Italia patria della bruna bevanda Illycaffé

 

One Comment

  1. Ma dai un libro su Starbucks? Non lo sapevo grazie per la segnalazione :-)

Rispondi a twostella il giardino dei ciliegi Cancel

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>